Nuova stagione: tesseramenti 2018/19

Pubblicato il Pubblicato in Eventi, Open Day

Ecco la programmazione per il prossimo anno sociale!
Corsi di danze tradizionali, canto e strumento, feste, presentazioni di libri, chiacchiere, laboratori, cene, passeggiate…

Corso di pizzica pizzica, tammurriata e altre tarantelle

Delle danze del sud Italia, la pizzica pizzica è solo la più famosa delle tarantelle.
Ognuna di esse è caratterizzata da ritmiche, passi e modalità differenti a seconda dell’area geografica di provenienza. Si tratta di danze che si sono sviluppate in contesti locali, soprattutto agro/pastorali. Ciò che le accomuna è il fatto di essere danze destinate alla festa e all’incontro.
Durante l’anno faremo conoscenza con:
la pizzica pizzica del basso e dell’alto Salento (Puglia), la tammurriata dell’agro-nocerino (Campania), il sonu a ballu (Calabria sud aspromontana) e la tarantella di area garganica.
L’intento è quello di tornare a ballare la semplicità, ascoltare musica, vivere l’esperienza del peso e della leggerezza, esplorare le dinamiche di coppia, scoprire attraverso i passi base e le posture del corpo come possiamo muoverci nello spazio mentre si balla in un cerchio di altri individui.
Ci saranno inoltre dei momenti di approfondimento culturale e dei focus storico-sociali e geografici.

martedì 25 settembre ore 20:30 openday a Cesena (FC) via C. Lugaresi 202
martedì 2 ottobre ore 21:15: openday a San Giovanni in Marignano (RN) via del Mare, 10

Per info e prenotazioni:
sara
3406027023 per Cesena
maddalena
3288035365 per San Giovanni in Marignano

danzedelsud@kilombo.it

***

Laboratorio sulle tecniche tradizionali del tamburello nel sud Italia

a cura di Domenico Celiberti

Mercoledì 3 ottobre ore 20:45 – via genova, 70 Cesena. OPENDAY 
(prenotazione obbligatoria)

Nella multiforme e variegata tradizione musicale del sud Italia, il tamburello ne è di sicuro l’elemento portante più arcaico e significativo.

La varietà di ritmi, suoni e tecniche ad esso legato sono l’espressione di altrettanta diversità dei luoghi e della gente che vive e suona questa musica.

Nel corso del laboratorio verranno analizzati alcuni differenti stili e suonate del macrogruppo della “Tarantella” nelle sue varianti locali in Puglia, Calabria, Lucania, Calabria e Sicilia.

Durante il laboratorio, oltre alle spiegazioni e agli esercizi propedeutici, verrà visionato del materiale audio e video frutto di una personale ricerca sul campo nonché di esercizi per l’accompagnamento con il tamburello di strumenti suonati solitamente insieme a quest’ultimo quali: organetto, zampogna e chitarra battente.

Il laboratorio prevede un primo ciclo di cinque incontri a cadenza quindicinale.
Calendario:
10 ottobre
24 ottoble
7 novembre
21 novembre
5 dicembre

Per info e prenotazioni:
340 6027023 Sara

***

TEATRO e NARRAZIONE
“Il teatro è un gioco in cui non si vince e non si perde”

a cura di Alessia Brivio

giovedì 27 di settembre ore 20:30 openday a Cesena via C. Lugaresi, 202

Un corso per stare insieme, esplorare le proprie capacità espressive, condividere storie. Una territorio in cui renderci disponibili a trasformare noi stessi nel luogo umano in cui vengono elaborate e condivise le emozioni, le percezioni, le consapevolezze, le esperienze. Il teatro è un gioco dove non si vince e non si perde, dove possiamo sentirci liberi di uscire dai nostri soliti schemi comportamentali per sperimentarne di nuovi e forse imparare a metterci in gioco anche nella vita di tutti i giorni.

All’inizio ci concentreremo sulla creazione e conoscenza del gruppo attraverso giochi ed esercizi per imparare a conoscerci, stare con gli altri, fidarci, costruire relazioni prive di giudizio e creare uno spazio di libertà espressiva e fiducia reciproca.

Esploreremo poi gli strumenti del mestiere dell’attore: il proprio corpo, la voce, le emozioni, l’immaginazione, la capacità di essere presenti a se stessi, la capacità di percepirsi nello spazio e in relazione agli altri. Giocheremo così con la materia viva del teatro per esprimerci e relazionarci con gli altri in modo creativo.

Giungeremo infine nel territorio della narrazione utilizzando testi editi o improvvisati sul momento, inventati o scritti pescando nelle nostre esperienze. Si racconta per far rivivere un’esperienza, per condividerla, per liberarsene, per capire meglio, per distrarsi, per sedurre, per conferire all’esistenza un significato. Un corso per chi è affascinato dalle storie e vuole continuare a sentirne e a raccontarne.

Per info e prenotazioni:
338 1155699 Alessia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *